top of page
Il premio FDG

Il Premio FDG di pittura e musica, unico nel suo genere, sorge in memoria di Francesca Diletta, una giovane scomparsa a soli 10 anni a causa di una malattia incurabile. Francesca ha lasciato dietro di sé un'eredità di energia, coraggio, spensieratezza, sensibilità ed allegria a chiunque abbia avuto la fortuna di conoscerla.

 

Nel 2020, in suo onore, è stata fondata un'Associazione che si impegna a supportare bambini, adulti, famiglie e genitori di bambini scomparsi. Non da ultimo, si rivolge anche agli studenti, costretti a sopportare le pressioni di una società focalizzata sull'individualismo e indifferente alle difficoltà altrui, specialmente quelli esposti al modello di vita dominato dalle connessioni "full-time", che può generare ansie, paure e malessere, soprattutto nei giovani più vulnerabili.

 

Il Premio FDG è stato concepito dai genitori di Francesca, entrambi pianisti e insegnanti di scuole statali, con l'obiettivo di accrescere l'autostima dei giovani attraverso la promozione delle loro opere nel campo dell'arte e della musica. L'idea è di creare sinergie tra giovani di diverse età e di sottolineare che ciascuno, con il proprio talento, può concretamente contribuire a sostenere chi ha bisogno di aiuto, facendo parte di una catena indispensabile per la realizzazione di una missione umanitaria.

 

Per l'edizione 2024, il tema del Premio è: Libertà e rinascita: un sogno comune. Questa scelta mira a manifestare attenzione e solidarietà verso i bambini e i giovani ucraini  rifugiati in Italia e di sostenere a tal scopo l’Associazione UNITI ETS oltre all’Associazione FDG, a cui andrà il ricavato dalla vendita delle opere realizzate.

Il Premio di pittura e musica coinvolge gli studenti delle Accademie di Belle Arti e dei Conservatori di musica italiani, insieme agli studenti del Liceo Artistico Aldo Passoni di Torino. Questi giovani, ispirati da un'unica visione, collaborano nella creazione di opere pittoriche e composizioni musicali, unendo figure, colori e suoni in un unicum sinestetico.

I vincitori del Premio FDG riceveranno come premio la possibilità di vivere un'esperienza artistica immersi nella natura, lontano dalla routine quotidiana. Durante il soggiorno presso la Masseria Le Specchie a Ceglie Messapica (BR), le ex scuderie dell'Associazione, i musicisti interagiranno con i pittori, dando vita a un periodo di produzione creativa.

Il confronto artistico mira a diffondere la conoscenza dell'arte e della musica contemporanea in tutto il territorio nazionale, culminando nell'emozionante "mostra-concerto" a Torino nel mese di ottobre, seguita dall'asta finale delle opere realizzate.

Una vista al tramonto dei trulli e del giardino della Masseria Le Specchie di Ceglie Messapica (BR), dove i vincitori saranno ospitati durante l'estate. 

trulli alba_edited.jpg
bottom of page